S iamo in una via riposta del centro storico. La salettina è più rossa che bianca, con una trentina di coperti irrorati con discrezione dalle luci delle applique. Ne deriva un’atmosfera intima, nella quale si muove con modi felpati la padrona di casa, Nuccia Di Carlo. Il versante gastronomico, nelle mani di una coppia di

TOP